Le Camere di Commercio


Nata in Francia all’epoca di Napoleone, la Camera di Commercio è un “ente autonomo di diritto pubblico che svolge, nell’ambito della circoscrizione territoriale di competenza, funzioni di interesse generale per il sistema delle imprese curandone lo sviluppo nell’ambito delle economie locali” (articolo 1 legge 580/93, legge di riordino delle Camere di Commercio).

Esistono due tipologie di Camere di Commercio: private e pubbliche. In Italia, così come in Francia, Germania, Spagna, vige la Camera di Commercio pubblica. Si tratta di un ente di secondo livello, costituito dallo Stato e alla quale le imprese sono obbligate ad aderire, lasciando una quota associativa molto simile a una tassa.

Le Camere di Commercio in Italia fanno capo alla Unioncamere – l’Unione italiana delle Camere di commercio industria, artigianato e agricoltura. Esso ha lo scopo di coordinare le singole camere, promuovere lo sviluppo economico e regolare le diverse imprese attraverso un registro.

Le Camere di Commercio sono composte da alcuni organi che hanno durata di cinque anni:

  • Il Consiglio: Il Consiglio è composto da 20/30 consiglieri che sono i rappresentanti dei settori dell’agricoltura, dell’artigianato, delle assicurazioni, del commercio, del credito, dell’industria, dei servizi alle imprese, dei trasporti e spedizioni, del turismo, della cooperazione e degli altri settori di rilevante interesse per l’economia della circoscrizione territoriale di competenza. Inoltre vanno aggiunti due rappresentanti dei lavoratori e dei consumatori. Al Consiglio spettano i poteri generali di indirizzo politico-amministrativo dell’ente;
  • La Giunta: Organo esecutivo dell’ente, composta da un numero di membri che varia da 5 a 11. Alla Giunta spetta l’attuazione delle linee programmatiche fissate dal Consiglio, attraverso una attività progettuale, propositiva e realizzativa;
  • Il Presidente: Viene eletto dal Consiglio e gli spetta la legale rappresentanza dell’ente, oltre al compito di convocare e presiedere Giunta e Consiglio;
  • Collegio dei revisori dei conti: Formato da tre membri effettivi e da due membri supplenti;
  • Il Segretario generale: Il Segretario generale è un dirigente, nominato dal Ministro dello Sviluppo economico su designazione della giunta camerale.

 

Le funzioni della Camera di Commercio possono distinguersi in tre principali categorie:

  1. Funzioni amministrative: Rientrano tutte le attività concerni la tenuta di registri, elenchi, albi e ruoli, gli adempimenti burocratici connessi, nonché la gestione di un completo e affidabile sistema di informazione commerciale;
  2. Funzioni promozionali: La Camera di Commercio ha funzioni promozionali volte a sostenere l’economia della provincia ed il sistema delle imprese. Ad esempio promozione di bandi per contributi alle imprese, le partecipazioni a società, consorzi, associazioni;
  3. Funzioni di regolazione del mercato: Funzioni quali l’istituzione di camere arbitrali, sportelli di conciliazione, la promozione di contratti tipo per categorie omogenee di attività, la partecipazione a conferenze di servizi, ecc.

Se desideri avere informazioni sulla Camera di Commercio più vicina a te o avere altre nozioni a riguardo contatta ilmiostudio.eu.

 

Camera di commercio

Richiedi informazioni


Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto. Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy