Le volture catastali


Prima di spiegare cosa sono le volture catastali, secondo noi di ilmiostudio.eu crediamo sia utile partire chiarendo cos’è il catasto. Il catasto è l’inventario di tutti i beni immobili, terreni o fabbricati, esistenti sul territorio dello Stato Italiano, appartenenti a soggetti privati e pubblici. Esistono due sezioni catastali:

  1. Catasto terreni (Ct), se si tratta di un terreno;
  2. Catasto edilizio urbano (Ceu), se si tratta di un fabbricato o porzione di esso.

All’interno del catasto si trovano tutti i documenti relativi allo stato attuale dell’immobile:

  • Planimetrie
  • Cronistica delle mutazioni
  • Stato attuale del bene
  • Caratteristiche tecniche
  • Tipologia di immobile
  • Proprietario o relativi proprietari.

La voltura catastale avviene quando vi è un passaggio di proprietà e questo va obbligatoriamente comunicato al Catasto. La voltura è una domanda con cui il contribuente comunica all’Agenzia delle Entrate il passaggio di proprietà, ovvero che il titolare di un diritto reale su un bene immobile è cambiato, al fine di consentire un aggiornamento delle intestazioni catastali e delle situazioni patrimoniali. La voltura catastale viene fatta da un notaio che, dopo aver appurato che non vi siano delle inesattezze o problemi di diversa natura, redatta il documento e lo trasmette agli uffici provinciali – Territorio dell’Agenzia delle Entrate.

Anche in caso di successione va dichiarato al Catasto il cambiamento di proprietario.

Per ricevere una consulenza in materia di Catasto e volture catastali contatta ilmiostudio.eu senza esitazione. Siamo a tua completa disposizione.

catasto

Richiedi informazioni


Con l'invio del presente modulo acconsento al trattamento dei dati unicamente per la richiesta in oggetto. Consenso esplicito secondo il D.Lgs 196/2003.
Leggi l'informativa sulla Privacy